• Arredamenti per negozi, scaffali per negozi, pannelli dogati
NEWS

Display merceologico e Visual Merchandising

Il Cliente che visita il PV (punto vendita) ha l’intenzione di conoscerne l’offerta commerciale, l’organizzazione, i servizi, i dipendenti, i prodotti e attraverso quest’esperienza, assorbirà determinate informazioni, che gli consentiranno di farsi un’opinione sull’ Insegna.

 

Il VM (venditore) deve aiutarlo a raggiungere il luogo giusto dove soddisfare gli acquisti programmati, lo deve invogliare ad effettuare acquisti di impulso, gli deve dare la possibilità di ricevere determinate informazioni sul prodotto e di poter fare con la dovuta calma le considerazioni ed il confronto con gli altri prodotti.

 

Nel PV deve essere tutto predisposto in maniera strategica affinché i prodotti possano giocare il loro ruolo nella pienezza delle loro possibilità. La cartellonistica relativa alle promozioni temporali deve essere chiara, trasparente, facilmente leggibile e non molto invasiva in termini di presenza, mentre la cartellistica deve contenere tutte le informazioni relative alla natura tecnica del prodotto e al prezzo.
Offriamo soluzioni adeguate per tutte le esigenze di display e comunicazione, arrediamo negozi che seguono fedelmente queste linee guida ed offriamo prodotti specifici per una strategia vincente.

 

All’inizio del percorso dell’area vendita a circa 6/7 mt dall’ingresso è prevista l’area cosiddetta di zona di decompressione dove il cliente riceve il primo impatto con il PV e dove si mette alla ricerca di riferimenti rassicuranti, analizzando il campo visivo a disposizione, questo in superfici di medio-grandi dimensioni, nei piccoli PV l'idea di zona di decompressione si avvicina notevolmente all'ingresso parliamo di 2-3 mt è tutto rapportato alle dimensioni complessive.

Questa è un’area poco appetibile sotto l’aspetto del rendimento ma utilissima per l’adattamento e importante per l’applicazione  di quei principi di comfort, di emozione e di comunicazione che definiscono l’atmosfera del PV. Il compito del VM è di invogliare il cliente a percorrere tutto il percorso di vendita e soprattutto di indicare le zone più penalizzate.

 

Il Layout si divide in layout di attrezzature e il layout merceologico. Il primo riguarda le attrezzature come casse, scaffali, box finanziamenti, tutte le attrezzature presenti in area vendita utili per la vendita e l’erogazione dei servizi abbinati. Il Layout merceologico è riferito alla disposizione dei prodotti in esposizione. Per quanto riguarda il Layout delle attrezzature  prevede una serie di spazi dedicati all’esposizione, alla vendita, al personale, e ai servizi offerti ai clienti. L’analisi di una corretta disposizione avviene in fase progettuale in relazione al tipo di prodotto trattato.

Bisogna scegliere un criterio di aggregazione delle diverse tipologie merceologiche che consenta sia di facilitare il processo d’acquisto del cliente, sia di incentivare a percorrere tutta la superficie espositiva significa organizzare la merce in modo tale da rispondere visivamente e in successione logica, a tutte le domande della clientela, secondo il loro ordine di importanza.

 

Raggruppare per marca, per prezzo, per categoria, per caratteristiche tecniche, per momento d’uso, per stile di vita, per promozione.

 

Partendo dal presupposto che la sequenza dei reparti dovrebbe facilitare il processo d’acquisto, occorre sfruttare le relazioni di complementarietà nella soddisfazione dei bisogni mediante azioni di Cross Selling, in modo da aumentare gli acquisti aggiuntivi, una cintura per un pantalone, una batteria di ricambio per un cellulare, delle batterie ricaricabili per un lettore MP3, una cravatta per una camicia, etc.

 

I reparti che godono di una maggiore capacità di attrazione vengono posizionati, ove possibile, alla fine del percorso di vendita, per invogliare il cliente ad effettuare tutto il percorso di vendita.

 

Una volta posta la dovuta attenzione, è importante e fondamentale, controllarne il rendimento, la rotazione, dati che ci consentiranno di disporre al meglio i prodotti in esposizione.

Gli obiettivi principali di un display ben organizzato sono:

 

Attirare il cliente

Invogliare i clienti a fermarsi e a valutare la merce esposta

Informare il cliente

Creare una cultura di prodotto

Semplificare ed agevolare il processo d’acquisto

I metodi di esposizione più famosi e conosciuti sono:

 

Shelving: merce esposta sugli scaffali inseriti in espositori o sistemi murali, particolarmente adatta per borse, calzature;

 

Hanging: merce appesa su ganci di grandi dimensioni o su barre installate sulle gondole o sui sistemi a muro, metodo utilizzato nei negozi di abbigliamento per appendere capi sospesi tra il soffitto ed il pavimento;

 

Pegging: merce di piccola dimensione confezionata in sacchetti che può essere appesa a dei ganci inseriti nelle gondole o sui sistemi murali;

 

Folding: consiste nel piegare e impilare su scaffali o posare su tavoli tutta la merce morbida o quella grande e poco maneggevole;


Dumping: merce di piccola dimensione esposta in grandi cesti (massificazione del prodotto), questa tecnica, evoca un’immagine di un punto vendita che tratta grossi volumi a basso prezzo.

Il Punto Display o Vetrina interna ha l’obiettivo di attrarre il consumatore a "entrare” nello specifico spazio di vendita. Questi punti espositivi hanno il compito di comunicare e segnalare la presenza dei prodotti ai consumatori che si trovano già vicino all’esposizione, senza ostacolarne la viabilità.

 

Per quanto riguarda l’allocazione specifica dello spazio e del posizionamento da dedicare, bisogna tener sempre conto delle seguenti regole espositive relativi ai 4 livelli principali:

 

Il Livello suolo, che è relativo agli scaffali più bassi, per raggiungere i quali il cliente deve fare uno sforzo; è questo naturalmente il livello che offre la minore visibilità ai prodotti in esso inseriti;

Il Livello mani, che favorisce l’acquisto in quanto aumenta l’accessibilità del prodotto;

Il Livello occhi, che è quello che attira maggiormente l’attenzione del cliente, perché è quello più visibile;

Il Livello sopra la testa, che in genere è quello di minore accessibilità e che talvolta può essere usato per stoccare la merce.

A secondo delle esigenze commerciali, promozionali, di alta o bassa rotazione, questi parametri sono importanti e fondamentali per migliorare la prestazione economica dell’intero PV.



 







 

PREVENTIVO VELOCE GRATUITO Close
Richiedi un preventivo in 1 minuto e ti risponderemo in breve tempo!

Compilando questo modulo acconsento al trattamento dei dati con il solo scopo di ricevere un preventivo in base alla richiesta effettuata. Nessun dato verrà utilizzato da terzi o per altri fini commerciali. Leggi la normativa sulla privacy
Questo sito utilizza la tecnologia 'cookies' per favorire la consultazione dei contenuti e l'erogazione dei servizi proposti dal sito.
Per prestare il consenso all'uso dei cookies su questo sito cliccare il bottone "OK".
Info OK